Abbigliamento

T-shirt ecosostenibili ed economiche

L’idea per questo post mi è venuta leggendo un tweet che diceva più o meno così:

t-shirt ecosostenibili

Potevo forse perdere l’occasione di scrivere una guida alle migliori t-shirt ecosostenibili ed economiche d’Europa?

Direi proprio di no

E poi, la primavera è alle porte, quale periodo migliore per fare un po’ di sano decluttering e se necessario rinnovare l’armadio?

Se non sai di cosa parlo, corri a leggere il mio articolo, perché a mio avviso è una pratica davvero fondamentale per chiunque (o quasi).

Ma torniamo alle t-shirt ecosostenibili…

Nel guardaroba di ogni minimalista che si rispetti, le magliette, in particolare quella bianca e nera sono un must assoluto ed immancabile che può essere abbinato praticamente a tutto e a tutti gli stili.

Il guaio secondo la mia esperienza però, è trovare magliette che siano veramente sostenibili sia a livello di produzione che anche per il proprio portafoglio.

…e se stai leggendo questo articolo, probabilmente anche tu sei alle prese con questo dilemma.

Perché si, come dice l’autrice del tweet, è verissimo che la stragrande maggioranza dei brand ecosostenibili vendono i propri prodotti ad un prezzo più alto della media, ma sicuramente non tutti.

Prima di parlare di brand però voglio spiegarti come scoprire se le magliette che vuoi comprare sono davvero ecosostenibili oppure si tratta di greenwashing.

Se sei già un consumatore esperto, puoi andare direttamente a leggere la mia personalissima lista di t-shirt ecosostenibili più in basso altrimenti andiamo avanti.

T-shirt ecosostenibili: cosa si intende

La maggior parte delle persone indossa magliette e in generale vestiti, senza sapere come vengono prodotti (altrimenti mi rifiuto di credere che esisterebbe la fast-fashion).

Non ci si chiede mai ad esempio:

Chi ha fatto la mia maglietta è stato pagato a sufficienza?

La maglietta è realizzata in tessuto sostenibile?

Sono stati maltrattati animali nel produrla?

E invece si dovrebbe eccome!

Più in generale possiamo dire che affinché una t-shirt possa essere definita ecosostenibile, devono essere rispettati 3 diversi parametri:

  • Impatto del ciclo di produzione sull’ambiente
  • Rispetto degli animali
  • Rispetto delle condizioni dei lavoratori

Ma vediamoli nel dettaglio.

Materiali e ciclo di produzione delle magliette ecosostenibili

La scelta del tessuto è fondamentale, nonché il primo parametro da osservare per capire se un determinato capo è sostenibile o meno.

Quali sono quindi i migliori tessuti ecosostenibili?

Cotone biologico: Si riferisce al cotone coltivato senza pesticidi e fertilizzanti chimici.

Il vantaggio è che richiede anche molta meno acqua e superficie per crescere rispetto al cotone tradizionale.

…e poi il cotone biologico crea delle magliette ecosostenibili incredibilmente morbide!

Canapa / Lino: Questi materiali provengono da fibre vegetali biologiche che richiedono coltivazioni a bassa intensità idrica.

Tencel (Lyocell / Modal): È un mix di tessuti rinnovabili e compostabili realizzati rispettivamente con legno di eucalipto e faggio.

Sono prodotti con un processo che ricicla l’acqua e riutilizza i solventi di produzione con un tasso di recupero superiore al 99%.

Meno ideali delle fibre organiche, ma molto meglio delle fibre a base di petrolio molto diffuse al giorno d’oggi, sono le fibre sintetiche riciclate.

È vero, non possono essere compostate quando il capo si consuma, ma sono interessanti visto che utilizzano materiali già esistenti che altrimenti andrebbero in discarica.

I tessuti in questione sono: poliestere e nylon

Tutto quello che non è incluso nella lista non è da considerarsi un buon materiale per t shirt ecosostenibili.

Rispetto delle condizioni dei lavoratori

La certificazione a cui guardare è senz’altro la FairTrade che attesta che i materiali o i prodotti siano stati acquisiti in cambio di condizioni di lavoro e compenso equi.

Questa certificazione protegge i lavoratori da ambienti di lavoro non sicuri, discriminazione, molestie, abusi o lavoro minorile/forzato.

Per soddisfarne i requisiti, tutti i dipendenti devono essere adeguatamente formati, pagati con un salario dignitoso e avere orari di lavoro ragionevoli.

Se vuoi vedere cosa succede in ambienti non certificati, ti consiglio di guardare il primo documentario che trovi a questo link

Più in generale, ti consiglio di prediligere produzioni Europee all’interno delle quali è più difficile incappare in problematiche di questo genere.

Uso di derivati animali nella produzione di t-shirt ecosostenibili

Da questo punto di vista le certificazioni migliori da cercare sono PETA-APPROVED E Vegan ok per essere al 100% sicuri di non acquistare da marche che utilizzano parti animali.

E poi voglio dire, siamo nel 2022, a nessuno serve più una giacca in vera piuma d’oca o con vera pelliccia per stare al caldo.

“Eh ma non tiene caldo allo stesso modo”

Frase che amo smentire con la mia bellissima e caldissima giacca di Save the Duck che tiene davvero, ma davvero caldo (e abito in Trentino Alto Adige)

Stesso discorso vale naturalmente per gli accessori in vera pelle!

E la lana?

Per quanto riguarda la lana invece il discorso è un po’ diverso, la pecora infatti ha bisogno di essere tosata in natura.

Per assicurati che la lana sia stata tosata a mano e senza che le pecore abbiano sofferto, controlla che provenga da allevamenti mulesing-free!

Io per non sbagliare io mi sono fatta fare un paio di maglioncini su misura da una zia molto capace.

Ho scritto questo paragrafo per aiutarti a capire quali brand sono davvero virtuosi e quali no.

È davvero troppo facile ahimè incappare in marchi che fanno del greenwashing il loro cavallo di battaglia.

Per approfondire il mondo delle certificazioni tessili puoi cliccare qui

t-shirt ecosostenibile

Le migliori t-shirt ecosostenibili

Disclaimer: Questa lista delle migliori magliette ecologiche (secondo la mia esperienza, certo) vuole essere d’aiuto solo se hai davvero bisogno di acquistarne di nuove!

TWOTHIRDS

twothirds maglietta sostenibile
Immagine di proprietà di Twothirds

Materiali: Prevalenza di materiali ecosostenibili come il cotone organico certificato GOTS.

Politiche del lavoro: Produce in Paesi europei a medio-basso rischio di abuso sul lavoro.

Trattamento degli animali: Non utilizza pelliccia, cuoio, piumino, pelle di animali esotici, peli di animali esotici o angora. Non utilizza lana se non certificata mulesing-free.

Inclusività: Taglie dalla XS alla XXL

Costo: 15€

Dove acquistare:

HONEST BASICS

Honest Basics t shirt ecosostenibile
Immagine di proprietà di Honest Basics

Materiali: Prevalenza di materiali ecosostenibili come il cotone organico certificato GOTS.

Politiche del lavoro: Certificate Global Organic Textile Standard (GOTS).

Trattamento degli animali: questa marca si difende ottimamente, tutti i prodotti sono infatti approvati da PETA come vegani.

Inclusività: Taglie dalla XS alla XL

Costo: 15€

Dove acquistare: Honest Basics

YES FRIENDS

yes friends magliette ecosostenibili
Immagine di proprietà di Yes Friends

Materiali: Prevalenza di materiali ecosostenibili come il cotone Global Organic Textile Standard (GOTS).

Utilizza energia rinnovabile nella sua catena di approvvigionamento per ridurre il proprio impatto sul clima. Il suo utilizzo di materiali eco-compatibili limita la quantità di sostanze chimiche, acqua e acque reflue utilizzate nella produzione.

Politiche del lavoro: Certificate da Fairtrade

Trattamento degli animali: Tutti i prodotti sono infatti approvati da PETA come vegani

Inclusività: taglie dalla XXS alla 4XL

Costo: circa 10€

Dove acquistare: Yes Friends

COLORFUL STANDARD

Immagine di proprietà di Colorful Standard

Materiali: Utilizza un’elevata percentuale di materiali ecosostenibili, compresi i materiali riciclati.
Produce localmente per ridurre la propria impronta di carbonio e utilizza imballaggi riciclati.

Politiche del lavoro: Produce in Portogallo, paese a medio-basso rischio di abuso sul lavoro.

Trattamento degli animali: Non utilizza pelliccia, cuoio, piumino, pelle di animali esotici, peli di animali esotici o angora. Usa lana riciclata.

Inclusività: taglie dalla XS alla XL

Costo: 30€

Dove acquistare: Colorful Standard

Disclaimer: questo tra tutti i brand elencati è il mio preferito in assoluto, ha un sacco di colori disponibili ed è veramente minimal.

Ah e piantano un albero per ogni acquisto che fai! Non male eh?

Se clicchi sul link puoi avere uno sconto del 20% su tutto! 😉

RAPANUI

Immagine di proprietà di RapaNui

Materiali: utilizza un’alta percentuale di materiali eco-compatibili tra cui il cotone Global Organic Textile Standard (GOTS).

Si avvale di energia rinnovabile nella sua catena di approvvigionamento per ridurre il proprio impatto sul clima.

Utilizza packaging riciclato.

Politiche del lavoro: Certificata da Social Accountability International – SA8000.

Trattamento degli animali: La sua valutazione animale è “buono”. Non utilizza pelle, piumino, angora, pelliccia o pelle o pelo di animali esotici. Usa la lana.

Inclusività: taglie dalla XS alla XXL

Costo: circa 15€

Dove acquistare: RapaNui

Riflessione finale sulle t-shirt sostenibili ed ecologiche

Come sempre amo dire, la maglietta più sostenibile è quella che già hai nel cassetto!

Ci tengo a specificare che nessuno dei brand elencati sopra mi ha pagata per sponsorizzarli, parlo per esperienza personale da consumatrice soddisfatta.

Come sempre, condividi questo articolo se ti è stato utile e aiuta a diffondere l’acquisto consapevole di magliette sostenibili!

Non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sulle mie nuove pubblicazioni e se i miei articoli ti sono stati utili, perché non consideri di offrirmi un caffè virtuale?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.